mercoledì 4 ottobre 2017

"La Nascita delle Sei Fortezze", 2a Parte




«Ehm… mio padre… ha… ha sempre desiderato per me la migliore delle istruzioni.» tentò di interloquire, sorpreso non poco dalla piega che aveva preso la conversazione «Mi è stato permesso di studiare con vari insegnanti, professionisti nelle più disparate delle arti, ma il migliore, se mi è permesso sbilanciarmi, è stato sicuramente Dolorn[1] Avedertz.»


«Ho sentito parlare di questo Dolorn dal fantomatico stile essenziale e semplice. Il suo modo di porsi e di scrivere sono indubbiamente frutti del suo lavoro… Mi perdoni, forse la sto confondendo con i miei deliranti discorsi, tuttavia ho sempre la premura e un certo obbligo personale a comprendere la persona che mi si presenta davanti, soprattutto se in cerca di un certo tipo di sostegno. Prima che mi presenti il progetto, posso domandarle cosa l’ha spinta a proporre ciò a vari esponenti nobiliari?»


Non era la prima volta che gli veniva posta quella domanda, ma negli altri casi aveva avuto la fortunata possibilità di sviare il discorso sullo stesso progetto che ormai stava presentando. Si rese conto, però, che davanti a sé non vi era un semplice membro di una delle Dodici Famiglie.


“È come se quegli occhi fossero in grado di scrutarmi l’animo e rapire il mio spirito. Sono come lame affilate e pronte a trafiggermi. Perché sento l’irrefrenabile e vergognoso bisogno di temere questo individuo, di inginocchiarmi di fronte a lui e servirlo al meglio… Non mi è più possibile scappare… ormai…”


«Sei anni fa ho servito per due anni nel 54° Manipolo dei Rur-drivin[2].» gli rispose, notando subito un guizzo di comprensione negli occhi del suo interlocutore «Diciamo che la mia carriera militare è finita rapidamente. Un vero dispiacere per il mio amatissimo padre, tuttavia… non potevo sopportare oltre…»


Sperò con tutto il cuore che bastassero quelle parole, ma comprese che il capofamiglia voleva sapere e non avrebbe accettato che il discorso venisse troncato in quel modo. Abbassò lo sguardo e cercò la forza di non farsi sommergere dai ricordi: la campagna, il suo volto e il suo sorriso, le felici e solari giornate, le fiamme, il sangue, il corpo senza vita. Strinse con tutta la forza il bracciolo sinistro della poltrona, poi rialzò lo sguardo e con un respiro affannato e un volto stremato disse:«In quelle terre ho perso la donna con cui ero destinato a vivere, la persona a cui il mio cuore aveva deciso di abbandonarsi e farsi cullare.

Le piazzeforti presenti al confine non sono minimamente sufficienti. Piccoli gruppi di Barbari, predoni del nord, molto spesso penetrano e razziano quel che possono prima di venire individuati. Non hanno alcuna pietà. Il mio unico desiderio è…»


«La vendetta, dunque.» lo interruppe Denzar «Avevo supposto i motivi più bislacchi, anche se ho la netta impressione che il suo furente desiderio sia strettamente legato con la sua ambizione. Sbaglio?»


“Come fa? Come può capire ciò che non viene detto? Sono forse i mie sospiri incapaci di trattenere e contenere i miei più intimi pensieri?”


«Non c’è nulla di cui vergognarsi, Fhard Mitt. Tutti gli uomini ambiscono alla grandezza e chi non riesce ad ammettere questo dato di fatto è semplicemente qualcuno che non è riuscito a raggiungere ciò a cui ambiva. Devo dire, anzi, che le sue motivazioni sono più che esaustive. Avrebbe fatto meglio a parlarmene prima. Avrei accettato il progetto senza nemmeno visionarlo.»


«Quindi…?» chiese allibito, senza avere il coraggio di finire la frase.


«La Famiglia Cardas appoggerà il suo progetto, tuttavia, dato che si trova qui, sarebbe un peccato impedirle di mostrarmi la sua “creatura”.»


Mentre un raggiante e baldanzoso Mitt prendeva le varie pergamene arrotolate poggiate a terra, il capofamiglia batté le mani due volte, il cui segnale fece spalancare le porte d’ingresso. Dal breve corridoio sbucarono due servitori che, sebbene vestiti con calzoni e maglie che lasciavano scoperti gambe e braccia, avevano un portamento stranamente elegante. Sollevarono il tavolinetto con sopra il vassoio e la tazza di Mitt e, una volta usciti, rientrarono dopo poco tempo con un altro tavolo, più rialzato e dalle dimensioni più congeniali per continuare quell’incontro.

Tornati di nuovo a essere soli nella sala, Mitt passò la pergamena più grande e vistosa al nobile che la srotolò, gli diede una rapida occhiata e poi la depose.


«Allora, il sistema del “Muro Inviolabile” è molto semplice, sebbene terribilmente dispendioso: costruire una fortificazione continua, semicircolare, che, usando gli stessi Monti di Confine come barriera naturale, chiuda qualunque accesso dal passo di Vansburg e di Uolm. Si tratterebbe, se i miei calcoli non sono errati, di un muro lungo più di mille drahe[3]. Qui con me, naturalmente ho i progetti anche delle varie fortezze che costelleranno il muro e che…»


«Dispendioso è un eufemismo, come altrettanto generosa è la sua stima sulla lunghezza di questo “Muro Inviolabile”.»


“Maledizione… non può abbandonarmi anche lui…”


«Bè, potremmo fare qual…»


«Mi mostri i progetti delle fortezze.»


Rimase lievemente interdetto, ma non si fece ripetere due volte quella richiesta. Srotolò un’altra pergamena e la depose sul tavolo, sopra quella che sembrava ormai essere stata bocciata.


«Avevo considerato di far costruire Sei Fortezze, in collegamento con la muraglia stessa, così da permettere un’adeguata sorveglianza. Avranno mura circolari e, sebbene possa essere più dispendioso, bastioni con trabocchi. Naturalmente sarà necessario controllare il territorio e la sua conformazione anche più dettagliatamente di come ho fatto io, tuttavia…»


«Indubbiamente grandioso, Fhard Mitt.» lo interruppe nuovamente, facendo sobbalzare il povero Mitt, terrorizzato dall’idea che potesse essere rifiutato definitivamente «Posso ben comprendere perché altri hanno rifiutato. Non è qualcosa su cui le persone caute si gettano volentieri.»


“È finita…”


«In questo stadio, il progetto non è fattibile, tuttavia…» e il tono sembrava indirizzato esattamente al pessimismo che ormai stava invadendo Mitt «con qualche cambiamento e piccolo accorgimento, il suo progetto è attuabile.»


«Perdoni la mia arroganza, mio fhard, a cosa si riferisce esattamente?»


«Teme per la sua creatura, fhard Mitt?»


«No… no, è solo che…»


«Le ripeto che non ha nulla di cui vergognarsi o da nascondere. Io e lei siamo uomini simili, da un certo punto di vista. La nostra ambizione ci contraddistingue, ci guida, ci porta a disperarci e a immolarci per l’obiettivo che così ardentemente vogliamo raggiungere. Guardi là,» disse, facendo voltare con un movimento del volto verso una delle due pareti “vuote” della stanza «riesce a riconoscerla?»


«Possibile che sia… Dourgrand[4]

[...]







Il "Bastione del Nord", altro modo in cui vengono nominate le Sei Fortezze, fu pensata da Mitt come una protezione, una barriera contro la ferocia dei barbari e come una possibilità di avere il suo nome scritto nelle cronache e negli annali.
Denzar, però, aveva uno sguardo più pragmatico e molto, molto più a lungo termine riguardo lo scopo e l'utilizzo di quelle fortificazioni settentrionali...
Per qualunque dubbio, domanda o confronto potete lasciare un commento sulla Pagina Facebook Gli Annali della Caduta oppure direttamente qui sul blog.
A presto e stay tuned 😁.



[1] È un termine di provenienza bavariena usato per riferirsi a “Maestri” che, sotto profumati pagamenti o favori di altro genere, istruivano i rampolli della nobiltà. Questa figura sparirà definitivamente con l’affermarsi della legislazione imperiale.

[2] “Corpo dei Lancieri”.

[3] È un’unità di misura bavariena. Corrisponde, all’incirca, a due metri. Il termine si riferisce a una lunga asta cerimoniale, alla cui estremità ha tre cerchi concentrici, uno più piccolo dell’altro; tale strumento veniva usata durante i “Giuramenti del Sangue”.


[4] Il termine è antico e la sua traduzione non è così certa. “Zanna”, l’arma, ormai solo cerimoniale, brandita dal capostipite della Famiglia Cardas.