lunedì 29 gennaio 2018

L'ECONOMIA IMPERIALE: I TERRITORI DELL'IMPERATORE

[L'IMPERO]

Fin dall'assestamento definitivo dell'Impero, questi territori centrali furono pensati per essere una proprietà esclusiva dell'Imperatore e della sua corte. L'intento era di mantenere una dovuta indipendenza di Sua Maestà, così da non far indebitare, in futuro, la corona con le Dodici Famiglie, che finirono per accaparrarsi terre, rendite e ricchezze non indifferenti, tanto da renderle tuttora estremamente ricche. Proprio per questa singolare situazione, le pianure centrali furono rinominate come le "Pianure dei Dragarsc", ovvero la nobile dinastia dei regnanti di Baverie e dell'Impero.
La popolazione che abita questi luoghi vive in una sorta di mezzadria, sottoposta a un contratto direttamente con la corte imperiale. È considerato, e non a torto, come una delle regioni più immutabili nell'Impero: gli scambi commerciali si concentrano nelle zone vicino alle quattro grandi città, il resto vive semplicemente continuando a rispettare questo contratto di mezzadria.
Proprio Ucrim, Tern, Militem e Shold rappresentano quattro realtà semi-indipendenti, che attraverso i loro governatori hanno finito per creare una propria autonomia, così da liberarsi del gravoso accentramento della corte di Lucem.
La Capitale, il cuore pulsante dell'Impero, controlla come un'ombra soverchiante tutto ciò che la circonda, a tal punto che, per avvicinarsi a Lucem è necessario avere permessi speciali e superare numerosi controlli degli avamposti e delle ronde della Guardia Imperiale. Questa terra è considerata come la più sorvegliata di Ethusa e, da 600 anni, non ha più conosciuto piede straniero.
Fin dalla prima diffusione della moneta imperiale, nei territori centrali il baratto è stato bandito per legge.
Infine, una curiosità: si narra, spesso, che la Torre di Luce sia visibile dai quattro angoli di questa regione, ma è solo una mistificazione; la reggia dell'Imperatore e della sua corte, infatti, è da secoli protetta da un velo di invisibilità che viene costantemente rigenerato dai Master della Federazione. Solo chi raggiunge le porte della Capitale può cominciare a intravederla.

E con quest'ultima "rassegna", chiamiamola così, si chiude il capitolo sulle singole "province" imperiali. Ci sarebbe molto altro da aggiungere, e alcuni temi verranno approfonditi da altri post e dalla Storia principale, tuttavia il prossimo argomento sarà sull'economia e sulla società zheltiana.
Per qualunque dubbio, domanda o confronto potete lasciare un commento sulla Pagina Facebook Gli Annali della Caduta oppure direttamente qui sul blog.
A presto e stay tuned 😁.