lunedì 15 gennaio 2018

L'ECONOMIA IMPERIALE: LA SATRAPIA DEL DESERTO

[L'IMPERO]

In conseguenza del particolare clima che suddetta Satrapia ha, la sua situazione è molto particolare: difatti, la zona occidentale, che è quella che risulta essere più esposta ai venti caldi e alle tempeste di sabbia provenienti dal Sadarac, è anche quella che è più ricca a livello di risorse idriche. Per quanto l'immenso deserto alle porte della Satrapia abbia finito per rendere quasi del tutto arida la regione tra il Porto di Trofer e l'accampamento di Sadarac II, il Fiume della Salvezza, così soprannominato fin dai tempi del Regno di Otsu, non ha mai subito forti conseguenze e rappresenta una ricchezza non indifferente, dato che è uno dei pochi fiumi nell'Impero a essere navigabile anche da imbarcazioni di media stazza.
Considerata tale condizione, tutta la zona adiacente al fiume è economicamente ricca e, oltre ad aver permesso a molti agricoltori e contadini indipendenti di sopravvivere, ha generato una forte classe di mercanti e commercianti che ha finito per sfidare apertamente la presunta supremazia della nobiltà imperiale. Il latifondo di natura aristocratica, d'altra parte, è incontestabile in tutte le regioni orientali, almeno fino alla Shoiu, Mulsique, che finisce per creare una, seppur teorica, linea di demarcazione.
Infine, è importante tenere a mente che la Satrapia del Deserto è l'unica che contempla famiglie nobiliari non soppiantate o eliminate dall'aristocrazia bavariena, e dunque imperiale; dalla conquista del Regno di Otsu, le Quattro Famiglie Protettrici sono sopravvissute, si sono integrate e hanno creato una propria area di influenza e di indipendenza. Inoltre, da gran parte della popolazione locale sono amate e rispettate.
Nell'ultimo secolo, tuttavia, un'infida decadenza ha colpito l'unico lignaggio così antico da rivaleggiare con quello delle Dodici Famiglie...



Sul nome della Satrapia si potrebbero raccontare alcuni particolari, ma, come per la traduzione "Satrapia", simili dettagli saranno rivelati in altre... "occasioni".
Per qualunque dubbio, domanda o confronto potete lasciare un commento sulla Pagina Facebook Gli Annali della Caduta oppure direttamente qui sul blog.
A presto e stay tuned 😁.